SARZANA 21 LUGLIO 1921: UNA PAGINA DI STORIA CONTROVERSA

SARZANA 21 LUGLIO 1921: UNA PAGINA DI STORIA CONTROVERSA - NovAntico Editrice

A cura di E. Zucconi

Brossura

Pag. 126

cm. 15x22

ISBN: 978-88-98996-83-4

Stampato nel 2021 da NovAntico

 € 20,00 

La “Caporetto del fascismo”: così furono definiti i tragici fatti del 21 luglio 1921 a Sarzana, in provincia di La Spezia, dal Partito Comunista, fondato a Livorno esattamente sei mesi prima (21 gennaio).

Come è facile immaginare, in casi come questo e per di più a distanza di un secolo, è quanto mai improbabile fare piena luce su quanto avvenne, risalendo all’origine dell’accaduto e vagliando le precise responsabilità non solo delle parti politiche in causa, ma anche quelle dei militari impegnati nel reprimere i tumulti e degli stessi governi Giolitti e Bonomi, l’uno in scadenza e l’altro in arrivo. In ogni caso, per cercare di offrire un quadro il più possibile obiettivo, è parso opportuno in questa sede far precedere al resoconto dello squadrista Giuseppe Gregori ed al corredo iconografico, una sintetica cronaca dell’accaduto, ottenuta attraverso la consultazione ed il confronto delle diverse fonti reperibili.

(dalla presentazione di Ernesto Zucconi)

 

LA DIVISIONE CHARLEMAGNE

LA DIVISIONE CHARLEMAGNE - NovAntico Editrice

 I combattenti della Waffen SS francese 

JEAN MABIRE

Brossura

Pag. 452  

cm. 15x22

ISBN: 978-88-98996-81-1

Stampato nel 2020 da NovAntico

 € 35,00  

Questo è il secondo atto della drammatica rappresentazione che Jean Mabire ha realizzato sulle vicissitudini dei volontari francesi, inquadrati nella 33ª divisione della Waffen SS denominata Charlemagne.

Una delle molte pagine di storia rimosse, in primis dai governi di Francia, imbarazzati dalla testimonianza dei loro connazionali.

Impegnati in una strenua lotta sul Fronte Orientale, quei soldati saranno tra gli ultimi a retrocedere, lasciando sul terreno migliaia di caduti.

Gli eventi di quei mesi terribili sono raccontati con tratti incisivi, rara sensibilità e abilità pittorica. Un esempio:

Proprio dietro al fronte, ad alcune decine di chilometri dai russi, una donna, sola in casa, sembra colta da un attacco di follia. Indossa il suo vestito più bello e suona un valzer dopo l’altro, aspettando la violenza e la morte.

Mabire ripercorre, tappa dopo tappa, l’odissea dei vari reparti, offrendo un testo di lettura che è allo stesso tempo emozionante e scorrevole.

Protagonisti e comprimari, tutti peraltro realmente esistiti, balzano fuori dal libro e, quasi si assistesse ad una recita teatrale, si presentano a noi con precisi tratti somatici e psicologici, intrecciando brevi dialoghi estremamente funzionali alla dinamica della narrazione.

COLONNE

COLONNE - NovAntico Editrice

 Le operazioni in A.O. delle CC.NN. Coorte Forestale Colonna Agostini  

Augusto Agostini

Brossura

Pag. 188  

cm. 15x22

ISBN: 978-88-98996-77-3

Stampato nel 2020 da NovAntico

 € 22,00 

 

Quando chiesi al DUCE l’onore di far partecipare un Reparto di Milizia Forestale alle operazioni per la conquista dell’Impero, Egli non si meravigliò della proposta. Ne fui profondamente orgoglioso. Il DUCE, dunque, conosceva l’alto spirito fascista delle Camicie Nere Forestali, e riteneva logico e naturale che esse domandassero di sospendere l’ordinaria attività tecnica, per partecipare alla guerra.

E quando, alle Manovre di Bolzano, Gli presentai una formazione, attrezzata in modo particolarissimo a speciali compiti bellici, studiata ed organizzata perché potesse agire in assoluta autonomia, e già definita «Unità-modello» dal S. Capo di S. M. dell’Esercito, il DUCE, visibilmente soddisfatto, consentì che essa partecipasse alle operazioni.

Ottenuta anch’io l’autorizzazione di partire, volli assicurare al DUCE che, a costo di qualunque sacrificio, noi Lo avremmo servito degnamente.

Egli espresse la precisa certezza che avremmo mantenuto fede all’impegno.

Poi – a premio e a viatico – appose la Sua firma sul nostro Gagliardetto.

E lo predestinò alla vittoria.

 A. Agostini

 

STUDENTI SOLDATI

STUDENTI SOLDATI - NovAntico Editrice

 Sulla strada di Harar 

CARLO SCHREINER

Brossura

Pag. 146  

cm. 13,3x21,4

ISBN: 978-88-98996-79-7

Stampato nel 2020 da NovAntico

 € 16,00 

Nel licenziare con ritardo queste bozze (sono in marcia da più di un mese con un battaglione indigeno) il mio orgoglio di italiano mi fa esultare perché posso compiere questo «primo passo» nella veste del soldato, e nuovamente in quella di soldato d’Africa.

I nostri ardenti propositi non sono rimasti soltanto nei cuori ma essenzialmente sono testimoniati da questo auspicato e promesso ritorno.

L’Africa ci ha riabbracciati ed ha ripreso il suo incantamento.

Questo lo sentono soprattutto i forti, cioè coloro che della vita concepiscono alla base il carattere di lotta che la può distinguere e valorizzare.

Noi l’abbiamo accettata questa volta, un giorno, oggi la riprendiamo con maggiore coscienza.

Dall’Hararghiè felice e ferace, dalle terre imperiali io penso ad un altro viaggio, compiuto da Camicia Nera. Ieri come oggi lo spirito era sereno. Soltanto oggi, fortunatamente, il Duce ci ha date altre maggiori responsabilità.

Mi auguro che il libro sia l’espressione precisa della semplicità in cui abbiamo vissuto e dell’orgoglio che non s’è mai spento.

Mi auguro altresì che abbia fortuna e sia letto dai miei giovani camerati d’Italia!

 Malcà Mara (Uadi Moggio)

 Natale di Roma A. XV.

COSÌ IL POPOLO ITALIANO È DIVENTATO FASCISTA

COSÌ IL POPOLO ITALIANO È DIVENTATO FASCISTA - NovAntico Editrice

P. Chiarenza - E. Zucconi

Brossura

Pag. 200

cm. 21x29,7

ISBN: 978-88-98996-82-7

Stampato nel 2020 da NovAntico

 € 30,00 

Vent’anni di fascismo al potere. Due decenni del nostro Novecento ormai distanti nel tempo. Eppure se ne discute ancora e sempre animatamente, con scarsissima propensione a storicizzare il fenomeno.

Ci provò a suo tempo Renzo De Felice mandando alle stampe una grandiosa opera, rimasta purtroppo incompleta per la morte prematura dello studioso; il quale, nonostante la provenienza dalla sinistra marxista, iniziò a ricevere pesanti critiche, quindi subì intralci nel tenere le lezioni universitarie divenendo infine bersaglio di un attentato.

Gli autori della presente ricerca si sono interrogati su come si potesse spiegare un consenso così imponente da comprendere ogni classe sociale e il plauso della Chiesa di Roma; un’adesione indubbiamente non simulata, bensì largamente manifestata com’è registrato non soltanto nei documentari dell’epoca, ma in migliaia di immagini e servizi giornalistici di fotografi e cronisti d’altri Paesi.

Volutamente questo libro non riassume la storia dell’Italia nel periodo fra le due guerre mondiali, non analizza gli eventi accaduti e non li critica. Questo libro propone un’altra angolatura, racconta la realtà di allora, lo stato d’animo della gente comune, le aspirazioni degli italiani di ogni condizione. Da qui si spiegano semplicemente l’adesione, il consenso, la partecipazione, l’inneggiare spontaneo al Fascismo, l’entusiastica dedizione dei giovani, il mito del Duce.

Il metodo di proporre ai lettori non addetti ai lavori, ma che sono appassionati di storia e vogliono conoscere e comprendere, innumerevoli qualificate e ampie “citazioni”, crediamo fornisca autorevolezza scientifica ad un testo documentale originale e non contestabile.

È necessario calarci fra gli italiani di quel periodo, nella loro condizione, nelle loro speranze, nelle loro conquiste e realizzazioni grandi o modeste. Così essi sono diventati fascisti, anche se oggi non lo si vuole ammettere.